Area Lavoro

Progetti lavorativi e inserimenti

Progettazione

Tutti i progetti di Caritas Senigallia

Fare volontariato

Dare da mangiare, Accogliere, Ridistribuire, Ascoltare

Accoglienza e Gestione

Strutture di accoglienza e opere segno di Caritas Senigallia

Proiezione del documentario “Un paese di Calabria”

3 novembre 2017
FacebookTwitterGoogle+Share
Proiezione del documentario “Un paese di Calabria”

In un paese calabrese svuotato dall’emigrazione, Riace, la vita è tornata a pulsare, proprio grazie all’accoglienza dei migranti che hanno portato con loro tanta sofferenza interiore ma anche un carico di ricchezza e umanità. La trama del documentario “Un paese di Calabria”, con la regia di Shu Aiello e Catherine Catella, proiettato lunedì sera al cinema Gabbiano per la rassegna cinema d’essai è questa, ma il suo valore va oltre i confini e le banalità, perché il docu-film parla di immigrazione come recupero, come evoluzione, come possibilità. Da Riace infatti i giovani calabresi sono scappati per costruirsi un futuro altrove, i vecchi sopravvivono con lentezza e rassegnazione e la vera rinascita viene dai tanti ragazzi migranti, in fuga da guerre e povertà, che qui si sono lasciati accogliere e sono stati in grado integrarsi, grazie a cittadini semplici e onesti e a un’amministrazione lungimirante e coraggiosa. I cicli delle migrazioni sono un continuum storico, emigrare è una scelta naturale per l’uomo, non un problema – come molta politica qualunquista si ostina a sostenere – ma un passo in avanti verso l’umanità, la storia e la vita che stiamo costruendo.

Serata con un cinema gremito di pubblico, nonostante l’inaspettata assenza di don Armando Zappolini, presidente del CNCA (Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza) e prete sempre in prima linea, tipico esempio di uomo di quella “chiesa di strada” fatta di operatori religiosi che sperimentano il loro impegno sociale quotidianamente, vivendo la sofferenza vicino alla gente, e che finalmente, grazie a Papa Francesco, tornano ad avere voce. Dopo il film, applaudito dal pubblico e fortemente voluto dal CNCA, presente con il referente Federazione Marche Stefano Trovato, alcuni interventi da parte delle realtà dell’accoglienza del nostro territorio. Nell’ordine Laura Alesi dello SPRAR (Sistema di protezione richiedenti asilo e rifugiati) Ambito territoriale 8 e Chiara Michelon, che ha letto alcune parti del suo libro La fuga, che raccoglie storie rifugiati ospitati a Senigallia; Monica Grossi della cooperativa Vivereverde, che ospita un grande numero di giovani migranti e ha presentato alla platea un esempio perfetto di integrazione, un ragazzo nigeriano che gestisce una fattoria didattica; poi John, nigeriano anche lui, italiano perfetto, della cooperativa La gemma e IRS l’Aurora, che lavora per l’inclusione dei migranti anche attraverso percorsi nuovi come l’arte; infine la Casa della gioventù, storica cooperativa sociale senigalliese che, come ha spiegato Simone Santini, si impegna per dare ai minori in difficoltà il miglior supporto, in termini affettivi e di futuro.

3 novembre 2017
FacebookTwitterGoogle+Share

Resta in contatto con Caritas Senigallia Iscriviti alla newsletter

Fondazione Caritas Senigallia Onlus P.za Garibaldi, 3 60019 Senigallia (An) tel. 071 60 274 fax 071 792 9611 fondazionecaritas@caritassenigallia.it - privacy policy